CBP: Chiropratica biofisica, cos’è e come funziona.

Tempo di Lettura: 2 minuti

CBP: Chiropratica biofisica, cos’è e come funziona.

CBP Chiropratica Biofisica
CBP Chiropratica Biofisica

Cos’è la Chiropratica Biofisica?
La CBP, Chiropratica Biofisica – conosciuta anche come Chiropratica correttiva avanzata – è proprio la principale tecnica che ci differenzia da tutti gli altri centri Chiropratici. Questa tecnica differisce dalla Chiropratica tradizionale perché corregge la struttura spinale ripristinando le curve della colonna spinale.

Come funziona la Chiropratica Biofisica?
La CBP parte dallo studio della postura e della struttura della colonna vertebrale. Attraverso RaggiX specifici creiamo un percorso riabilitativo personalizzato e studiato sul paziente. Grazie a poche terapie chiropratiche risolviamo problemi quotidiani di malesseri dovuti alla colonna vertebrale come mal di testa, giramenti, formicolio alle mani, sciatica e tanto altro.

CBP Chiropratica Biofisica
CBP Chiropratica Biofisica

 

La Chiropratica biofisica è solo manuale o si avvale di macchinari specifici?
Nei trattamenti di Chiropratica Biofisica si combinano le manipolazioni chiropratiche ad esercizi specifici e attrezzature appositamente studiate per spingere o tirare la colonna vertebrale in modo da ripristinare la curvatura normale, ridonando al paziente una corretta funzionalità e benessere fisico.

Günther Schultz DC
Günther Schultz DC

I risultati sono permanenti?
Ovviamente per rispondere a questa domanda bisogna approfondire la cartella clinica del paziente, ma tutti gli esercizi praticati sono supervisionati dal nostro team di esperti. Questo ci garantisce migliori risultati ed un cambiamento permanente della colonna vertebrale.

Per avere maggiori informazioni contattateci.

1 commento su “CBP: Chiropratica biofisica, cos’è e come funziona.”

  1. https://www.tio.ch/ticino/194408/l-ocst-torna-alla-carica-sulla-ginnastica-correttiva
    Salve dottore e complimenti per il blog molto chiaro e preciso,e grazie per i risultati molto positivi che ho ottenuto,,confesso che verso la 6a-7a seduta ho avuto dei dubbi sulla risposta del mio organismo e ho pensato “sono invecchiato sono spacciato”e invece no per fortuna,i dubbi non aiutano e forse rallentano il ripristino.
    Pensando alla mia infanzia scolastica dalla 1a elementare alla 4a media,(si perchè in svizzera dove sono nato e cresciuto sono 4 anni di media)mi viene da ridere ripensando alla ginnastica correttiva OBBLIGATORIA per chi ne aveva bisogno e io ero tra questi dalla 1a elementare nel 1980,ricordo molto bene come l’educatore entrando classe per classe ci osservava e decideva chi avrebbe dovuto iniziare il percorso di esercizi,andavamo tutti con molta assenza di entusiasmo,passarono i 5 anni di elementari ed eravamo contenti di passare alle medie,pensando di esserci liberati anche dell’educatore ginnico,e invece no era anche lì alle medie,ci guardammo in faccia noi “prescelti”non servì neanche dire una parola tutti noi 6 o 7 scapestrati pensammo la stessa cosa”Noooooo…altri 4 anni di questa roba che a che serve non si sa”.Fatto un’altro anno di questa ginnastica correttiva a cadenza settimanale il genio svizzero figlio di una persona importante ebbe la grandiosa idea di far firmare i genitori il certificato di esenzione dagli esercizi “liberandosi”….allora noi altri che eravamo stranieri e figli di operai comuni ci chiedevamo”chissà se a noi ci accoglierebbero la stessa richiesta,lui è svizzero col papà importante e ha più diritti”….Tentammo e convincemmo i nostri genitori a firmare in “massa”così la classe 1974 si liberò dalla ginnastica correttiva.;D ;D
    Non so in Italia come funziona questa e altre parti sull’educazione,in svizzera era così.
    Spero che sia stato divertente leggere un pezzo della mia vita giovanile,senza l’intenzione di offendere nessuno e nessuna professione,
    Una risata fa bene a tutte le malattie

    Rispondi

Rispondi a Lucio Staffieri Annulla risposta